Gestione integrata delle parassitosi

  • Autore: Francesca Pisseri,08/04/2011
  • Linee guida per una gestione a basso impatto ambientale delle parassitosi animali

    Concetti di base dell’ approccio integrato

    L’ approccio integrato prevede il mantenimento del naturale equilibrio ospite-parassita, e rifiuta l’ottica della eliminazione completa dei parassiti nell’ organismo degli animali. Infatti da un lato tale eliminazione è impossibile, se non a breve termine, nell’allevamento basato sul pascolamento, e dall’ altro è dimostrato, per alcune parassitosi, che la presenza di una bassa carica parassitaria nell’ animale contribuisce a limitare la insorgenza di infestioni massive, preservandone la salute.

    Al contrario un azzeramento di tale carica può provocare una conseguente grave reinfestione.

    Va inoltre considerato il sempre crescente problema della farmacoresistenza dei parassiti nei confronti delle molecole di sintesi, e la preoccupante ecotossicità di alcuni antiparassitari ad uso zootecnico.

    Il pascolamento, condizione essenziale per l’allevamento agroecologico, costituisce la principale fonte di infestazione parassitaria degli animali, è quindi opportuno limitare la carica infestante dei pascoli.

    Lo studio dell’ ambiente pedoclimatico e dell’ intero agroecosistema è essenziale per una corretta impostazione dei problemi, in quanto la natura del terreno, la flora e la fauna ambientale, le condizioni climatiche influenzano la presenza delle larve infestanti nell’ ambiente.

    La prima misura da mettere in atto è monitorare nel tempo la situazione parassitologica tramite opportune indagini, cliniche di laboratorio, e ambientali, per poter impostare un piano di controllo delle parassitosi basato sull’ impiego combinato di Medicine non Convenzionali e misure gestionali.

    INDAGINI

    MONITORAGGIO PARASSITOLOGICO QULITATIVO E QUANTITATIVO

    Si elabora, in base alle caratteristiche ed alla anamnesi sanitaria aziendale, un piano di monitoraggio che valuti l’ andamento della carica parassitaria nel tempo, indicando le analisi di laboratorio da effettuare in base al tipo di parassiti presenti e la frequenza dei controlli.

    Le analisi si possono effettuare su pool di campioni fecali, oppure su un % di soggetti singoli,in numero significativo per ciascuna categoria di animali.

    INDAGINI CLINICHE

    I risultati delle indagini parassitologiche vanno valutati in relazione allo stato di salute degli animali, e ai dati produttivi, in modo da essere certi di essere al di sotto sia del rischio sanitario che del rischio zootencico.

    Il medico veterinario valuta la sintomatologia clinica riferibile a parassitosi quale anemia, diarrea, dimagramento.

    INDAGINI AMBIENTALI e GESTIONALI

    Riguardano suolo, clima, pratiche agronomiche, gestione dei pascoli, management e alimentazione degli animali.

    Sono essenziali per capire se vi sono fattori, quali alimentazione, eccesso di umidità, presenza di ospiti intermedi,ecc. che possono contribuire a mantenere una cospicua carica parassitaria ambientale.

    Tali indagini saranno indirizzate dal monitoraggio parassitologico, in quanto le diverse specie parassitarie hanno cicli biologici e condizioni differenti di sviluppo.

    INTERVENTI

    I possibili interventi ecosostenibili in caso di parassitosi animali sono: omeopatia, fitoterapia, interventi ambientali.

    INTERVENTI AMBIENTALI: rotazione dei pascoli, pianificata in base ai cicli biologici dei parassiti ed alle loro forme di resistenza nell’ ambiente; pratiche agronomiche riducenti il carico parassitario di larve nei pascoli; alternanza di specie diverse nei pascoli; lotta biologica ad alcuni ospiti intermedi; misure igieniche nelle strutture di allevamento, ecc.

    OMEOPATIA: è consigliabile la omeopatia unicista, che stimoli specificamente la reattività organica nei confronti dei parassiti.

    FITOTERAPIA: non essendovi ancora farmaci fitoterapici registrati per gli animali zootecnici, è possibile utilizzare alcuni fitocomposti contenuti in alimenti del bestiame, come certe essenze pabulari, e integratori alimentari a base vegetale.

    TRATTAMENTO CONVENZIONALE: sarà basato sul tipo di parassiti presenti, evitando quindi il più possibile molecole ad ampio spettro, che hanno forte impatto ambientale, a favore di molecole a spettro limitato, mirate alla parassitosi presente.

    I diversi interventi verranno implementati in seguito alla valutazione da parte del medico veterinario della situazione parassitologica in atto.

    Se la carica parassitaria è bassa, gli animali sono in buono stato di salute e hanno buone performance produttive, è sconsigliabile effettuare trattamenti, anche con fitoterapici, per rispettare il naturale equilibrio ospite-parassita.

    Non è invece controindicato l’utilizzo di rimedi omeopatici, che non alterano tale equilibrio.

    Per cariche medie è consigliabile l’approccio omeopatico e misure ambientali quali una apposita rotazione dei pascoli, valutando altri approcci se gli animali non sono in buone condizioni.

    Per cariche parassitarie alte il medico veterinario valuterà, in base anche ai rilevi clinici, l’opportunità di un trattamento omeopatico o fitoterapico, con controllo a breve termine per arginare i rischi, oppure prescriverà un farmaco convenzionale.

    Per esempio negli ovini una carica < 300 UPG(Uova per Grammo di Feci) per gli strongili gastro-intestinali degli ovini è da considerarsi bassa e non rischiosa,media è di 300-600 UPG, alta >600.

    Concludendo, il controllo integrato delle parassitosi è possibile sia tecnicamente che economicamente, essendo meno dispendioso dell’ utilizzo regolare di antiparassitari, più rispettoso dell’ ambiente ed in linea con i principi dell’ agricoltura biologica.

    Bibliografia

    1. Sangster S. C. (2001). Managing parasiticide resistance. Vet. Parass., 98 (1-3): 89-109.
    2. Spranger J. (2000). Testing the effectiveness of antibiotic and homeopathic medication in the frame of herd reorganisation of subclinical mastitis in milk cows. British Homeopath. J., 89 (suppl.1): S62.
    3. Thompson R.C.A. (2001). The future of veterinary parasitology: a time for change?. Vet. Parass., 91 (1-3): 41-50.
    4. Urquhart G. M. (2001). Parassitologia Veterinaria. Ed. UTET.
    5. Waller P. J. (1999). International approaches to the concept of integrated control of nematode parasites of livestock. Int. J. for Parass., 29 (1): 155-164.
    6. Benvenuti N., Giuliotti L., Goracci J., Cianci D. (2004). Le strongilosi gastrointestinali e la produzione di latte in ovini di razza Massese allevate con metodologie biologiche. Ob. e Doc. Vet., XXV (9): 23-28.
    7. Berger I. (1997). Control by management. Vet. Par.; 72 (3-4): 493-500.
    8. Cabaret J, Bouilhol M, Mage C. (2002). Managing helminths of ruminants in organic farming. Vet. Res, 33 (5): 625-640.
    9. Coop R.L., Kyriazakis I. (1999). Nutrition-parasite interaction. Vet. Paras., 84: 187-204.
    10. Gauly M., Erhardt G. (2001). Genetic resistance to gastrointestinal nematode parasites in Rhon sheep following natural infection. Vet. Par. 3: 253-259.
    11. Pisseri F., Cecchi F., Del Francia F. (2001). Medicina Omeopatica e parassitosi ovine. In: “Metodologie alternative di lotta alle parassitosi gastrointestinali degli ovini”. Quaderno ARSIA N°4: 31-37.
    12. Permin A:, Hansen J. (1998). Epidemiology, diagnosis and control of poultry parasites. FAO Animal health manual.
    13. Sangster S. C. (2001). Managing parasiticide resistance. Vet. Parass., 98 (1-3): 89-109.
    14. Ambrosi “Parassitologia zootecnica” EDAGRICOLE
    15. Thompson R.C.A. (2001). The future of veterinary parasitology: a time for change?. Vet. Parass., 91 (1-3): 41-50.
    16. F.Pisseri, N.Benvenuti ,J. Goracci ,G. Terracciano, L. Giuliotti , D. Cianci Trattamento della Strongilosi gastrointestinale in un allevamento biologico di ovini di razza massese Obiettivi e Documenti Veterinari, anno XXVI, ottobre 2005, p. 5-9
    17. Ciardi E., Pisseri F., Fichi G., Perrucci S. Parasitic infection of meat cattle in a organic farm Parassitologia 46 (Suppl. 1),2004
    18. Benvenuti M.N., Pisseri F., Goracci J., Giuliotti L., Gugliucci B.M., Macchioni F., Gavazza A.,Guidi G.Feasibility of homeopathy in a flock of Zerasca sheep Evid. Based Complement. Altern. Med., September 2007; 4: 65 - 68.
    19. Waller P. J. (1999). International approaches to the concept of integrated control of nematode parasites of livestock. Int. J. for Parass., 29 (1): 155-164.
    20. Wells A. (1999). Integrated parasite management for livestock. ATTRAWells A. (1999). Integrated parasite management for livestock.
    21. Pisseri F. Gestione sanitaria dell’ allevamento biologico, utilizzo della medicina omeopatica e della fitoterapia Buiatria 3/2009: 57-63
    22. M.N.Benvenuti, F.Pisseri, J.Goracci, L. Giuliotti, F.Macchioni, P.Verità, G. Guidi. (2008) Use of homeopathy in parasites control plans in a flock of Zerasca sheep. Mediterranean Symposium, Corte 6-8 novembre 2008
    23. Pisseri F., Macchioni F. , Benvenuti M. N., Giuliotti L., Goracci J., Paoletti S., Guidi G. Parasitologic monitoring in a flock of Zerasca sheep treated with non conventional drugs Parassitologia, 50, 1-2 (suppl.) 2008 XXV Session 13
    Licenza Creative Commons
    Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.